I Paesi in cui l’omosessualità è ancora illegale nel 2017

SEXUAL-ORIENTATION-LAWS-IN-THE-WORLD-OVERVIEW

Il 2017 è stato un anno segnato da traguardi importanti per i diritti LGBT in tutto il Mondo – il matrimonio egualitario è diventato legale in Finlandia, Bermuda, Malta, Germania e Australia, solo per citare i principali cambiamenti – ma è stato anche funestato da tragiche persecuzioni, omicidi a sfondo omotransfobico, diritti che sono stati negati e veri e propri rastrellamenti messi in atto in Cecenia, senza dimenticare le ondate di arresti di persone omosessuali o presunte tali tra Indonesia, Azerbaijan e Tanzania.

Se è vero che da una parte all’altra del Mondo si stanno facendo grandi progressi, è altrettanto vero che l’omosessualità continua ad essere considerata illegale, e quindi perseguibile per legge, in un numero fin troppo alto di Paesi ed entità politiche indipendenti. A farci aprire gli occhi ci ha pensato ancora una volta il rapporto pubblicato ogni anno dall’International Lesbian, Gay, Bisexual, Trans and Intersex Association (ILGA), che elenca ed analizza le legislazioni di tutto il Mondo in relazione alla condizione delle persone LGBT in quel determinato Paese.

La dodicesima edizione del rapporto State Sponsored Homophobia, consultabile a questo indirizzo in inglese, spagnolo, francese, arabo e cinese, parla chiaro: i Paesi che criminalizzano i rapporti sessuali tra persone dello stesso sesso sono ancora 71. Tutti criminalizzano i rapporti sessuali tra due uomini, mentre quelli tra due donne sono illegali in 41 Paesi.

SEXUAL-ORIENTATION-LAWS-IN-THE-WORLD-RECOGNITION

AFRICA (32)

  • ALGERIA
  • ANGOLA
  • BOTSWANA
  • BURUNDI
  • CAMEROON
  • COMOROS
  • ERITREA
  • ETHIOPIA
  • GAMBIA
  • GHANA
  • GUINEA
  • KENYA
  • LIBERIA
  • LIBYA
  • MALAWI
  • MAURITANIA
  • MAURITIUS
  • MOROCCO
  • NAMIBIA
  • NIGERIA
  • SENEGAL
  • SIERRA LEONE
  • SOMALIA
  • SOUTH SUDAN
  • SUDAN
  • SWAZILAND
  • TANZANIA
  • TOGO
  • TUNISIA
  • UGANDA
  • ZAMBIA
  • ZIMBABWE

AMERICAS (10)

  • ANTIGUA AND BARBUDA
  • BARBADOS
  • DOMINICA
  • GRENADA
  • GUYANA
  • JAMAICA
  • SAINT KITTS AND NEVIS
  • SAINT LUCIA
  • SAINT VINCENT AND THE GRENADINES
  • TRINIDAD AND TOBAGO

ASIA, compreso il Medio Oriente (23)

  • AFGHANISTAN
  • BANGLADESH
  • BHUTAN
  • BRUNEI DARUSSALAM
  • STRISCIA DI GAZA (OPT)
  • INDIA
  • INDONESIA (solo nelle province di Aceh e Sud di Sumatra)
  • IRAN
  • IRAQ
  • KUWAIT
  • LEBANON
  • MALAYSIA
  • MALDIVES
  • MYANMAR
  • OMAN
  • QATAR
  • PAKISTAN
  • SAUDI ARABIA
  • SINGAPORE
  • SRI LANKA
  • SYRIA
  • TURKMENISTAN
  • UNITED ARAB EMIRATES
  • UZBEKISTAN
  • YEMEN

OCEANIA (6)

  • COOK ISLANDS
  • KIRIBATI
  • PAPUA NEW GUINEA
  • SAMOA
  • SOLOMON ISLANDS
  • TONGA
  • TUVALU

In 13 di questi Paesi è ancora prevista la pena di morte per i rapporti sessuali tra persone dello stesso sesso, ma solo in 8 di questi viene effettivamente applicata:

  • IRAN
  • ARABIA SAUDITA
  • YEMEN
  • SUDAN
  • SOMALIA (solo nella zona a sud del Paese)
  • NIGERIA (12 Stati)
  • IRAQ
  • Territori controllati dallo Stato Islamico

I Paesi in cui è prevista la pena di morte per l’omosessualità, ma in cui non viene applicata sono invece Afghanistan, Pakistan, Qatar, Emirati Arabi Uniti e Mauritania.

SEXUAL-ORIENTATION-LAWS-IN-THE-WORLD-CRIMINALISATION

Per approfondire:

ILGA, State-Sponsored Homophobia
Amnesty International
Human Rights Watch